Anticaduta da cantiere: caratteristiche e funzionalità

anticaduta_operaio_assorbitore d'energia

Iniziamo dal principio: cos’è un sistema anticaduta e perché è così necessario utilizzarlo? Si definiscono anche sistemi di arresto e rientrano nella categoria dei dispositivi di protezione individuale (DPI) ed è un kit composto da un imbrago (dispositivo che afferra e avvolge il corpo) e da un sottosistema di connessione dotato di assorbitore di energia, collegabile ad un punto di ancoraggio e con funzione anticaduta. Quindi i dispositivi principali per essere sicuri quando si lavora in altezza sono tre:

  1. Ancoraggio
  2. Imbracatura
  3. Assorbitore d’energia con cordino e connettore
anticaduta_imbrago_assorbitore_energia_ancoraggio

Quali sono le caratteristiche e come funziona

Ha la funzione di far lavorare l’operatore in totale sicurezza, poiché in caso di caduta sarebbe interamente tutelato da questi dispositivi. La caratteristica principale che devono possedere questi sistemi è quella di essere compatibili tra di loro.

L’imbracatura

L’imbracatura deve essere composta necessariamente dalla parte bassa e dalla parte alta, quindi deve essere completa di pettorale. Questo perché in caso di caduta l’imbrago basso potrebbe non essere sufficiente ad evitare il peggio. Inoltre deve possedere almeno una certificazione UNI EN 361 appositamente per le imbracature semplici da cantiere.

Cordino e connettori anticaduta

Il cordino a cui è attaccato l’assorbitore d’energia viene realizzato in varie versioni: con fasce di Nylon, con corde simi-statiche o cinghie. Tutte le varianti sono sicure e certificate ed effettuano il loro dovere perfettamente. La lunghezza massima di un cordino compreso l’assorbitore di energia, i terminali e i connettori non deve superare i 2 metri.

I connettori sono posizionati alle 2 estremità del sistema e fanno da intermediari tra l’aggancio al punto d’ancoraggio e la nostra imbracatura. Quest’ultimi possono essere sia in acciaio che in alluminio e la loro differenza principale è il carico massimo in Kn e il peso del metallo in sé.

Il sottosistema, inoltre, garantisce un antitorsione in caso di incidente su cantiere evitando un possibili impatto al suolo con conseguenze sicuramente più gravi. Il collegamento in un sistema anticaduta deve sempre garantire una tensione massima sull’imbracatura al momento dell’arresto caduta di 600 dN massima.

Anche l’ancoraggio può essere variabile!

Molto spesso sui cantieri vengono installate delle linee vita (temporanee o permanenti) a cui è possibile ancorarsi. In casi di assenza di quest’ultime è possibile utilizzare delle semplici fasce d’ancoraggio oppure dei tasselli appositi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *